EMERGENZA SANITARIA COVID-19
I provvedimenti assunti dal Consiglio di Amministrazione

REDDITO DI ULTIMA ISTANZA
Il reddito di ultima istanza è stato istituito con l’articolo 44 del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 (convertito con la legge 24 aprile 2020, n.27) e successivamente modificato dall’articolo 78 del decreto legge 19 maggio 2020, n.34.

L’ENPACL ha anticipato per conto dello Stato le indennità a n.10.135 Consulenti che hanno presentato domanda, per un totale di 6.081.000 euro.

Il decreto legge 19 maggio 2020, n.34, ha rifinanziato il fondo per reddito di ultima istanza e previsto l’erogazione della indennità di 600 euro per ciascuno dei mesi di aprile e maggio.

Le domande per il mese di aprile possono essere presentate fino al giorno 8 luglio 2020: trovi qui ogni informazione utile.

***

Il Consiglio di Amministrazione dell’ENPACL segue con particolare preoccupazione gli effetti prodotti dalla gravissima emergenza sanitaria ed economica sugli studi dei Consulenti del Lavoro ed è convocato con urgenza e in modalità videoconferenza ogni qualvolta si rende necessario, pronto ad adottare con tempestività ogni intervento in favore della Categoria.

Guarda il video degli interventi a sostegno degli iscritti

Di seguito i provvedimenti di interesse.

CONTRIBUTI PREVIDENZIALI
Il Consiglio di Amministrazione, già nella riunione del 6 marzo 2020, ha deliberato un intervento riguardante l’emergenza sanitaria in corso a favore dei Consulenti del Lavoro aventi residenza, domicilio o sede operativa in uno dei Comuni della ex ‘zona rossa’, per i quali è stata prevista la sospensione dei versamenti contributivi fino al 31 dicembre 2020.

Nella riunione tenutasi in videoconferenza il 18 marzo 2020, l’Ente ha assunto ulteriori misure per consentire a tutti gli iscritti di fronteggiare la situazione determinatasi dall’ampliamento all’intero territorio nazionale della crisi epidemiologica. In base ai nuovi provvedimenti, i Consulenti del Lavoro possono concentrare il versamento della contribuzione 2020 negli ultimi quattro mesi dell’anno, con inizio a settembre invece della canonica scadenza di aprile. Coloro che intendessero avvantaggiarsi nei pagamenti, possono comunque effettuare prima di settembre versamenti spontanei in acconto, con modalità semplificata.

In analogia, sono sospese fino al mese di settembre tutte le rateazioni in corso, per riscatto, ricongiunzione e per contribuzioni pregresse. Coloro che intendono, comunque, effettuare il versamento delle rate, devono utilizzare il modello F24, con le seguenti causali e relativi codici:
E055, Contribuzione pregressa
E059, Ricongiunzione
E060, Riscatto militare
E061, Riscatto laurea
E062, Riscatto praticantato

Si può consultare qui il nuovo calendario degli adempimenti e dei versamenti 2020.

Infine, in favore dei Consulenti del Lavoro che utilizzano la ENPACL Card, assieme alla banca tesoriera dell’Ente (Banca Popolare di Sondrio) sono state condivise le seguenti misure agevolative:

  • utilizzo della seconda linea: rimodulazione del residuo debito (superiore a 100 euro e presente in ogni piano di rimborso attualmente in essere) su scadenze più lunghe (6 o 12 mesi a scelta dell’iscritto);
  • utilizzo della terza linea: estinzione del debito residuo con contestuale erogazione di un nuovo prestito di pari importo, ammortizzabile su una durata più lunga (a scelta dell’iscritto sulla base dei piani di ammortamento già a disposizione; rata minima 166,67 euro). In tale ipotesi, inoltre, il titolare della carta può rifinanziare le rate eventualmente rimaste insolute alle scadenze di marzo e aprile 2020.

Le condizioni economiche applicate ai citati interventi non subiscono variazioni rispetto a quelle in essere.
Le richieste di adesione possono essere presentate on line da parte dei singoli iscritti titolari di ENPACL Card attraverso il ‘Portale Casse’.

    Raggiungibile tramite la voce Servizi bancari in convenzione dei ‘Servizi on line’ 

 

 

 

 


POLIZZA ASSICURATIVA
In favore di tutti gli iscritti con età inferiore a 75 anni, l’Ente ha sottoscritto una copertura collettiva in caso di decesso, con decorrenza 1 aprile 2020 e senza oneri per gli interessati. Al riguardo, sarà inviata a breve una apposita comunicazione da parte della Compagnia ‘Cattolica assicurazioni’.

ACCESSO AL CREDITO
1) Al fine di agevolare i professionisti nell’attuale fase di crisi di liquidità, l’ENPACL favorisce l’accesso al credito con finanziamenti di importo fino al 30% del volume d’affari dichiarato all’Ente nel 2019, nel limite di 100.000 euro, ad un tasso agevolato. La convenzione stipulata con la Banca Popolare di Sondrio, istituto tesoriere dell’Ente, è già operativa. Le richieste possono essere inoltrate in via telematica, collegandosi all’area dei ‘Servizi on line’ presente su questo sito web.

2) L’ENPACL ha assunto un impegno per euro 250.000 al fine di garantire l’accesso al credito da parte degli iscritti, tramite un apposito fondi di garanzia costituito con Cassa Depositi e Prestiti. A breve saranno fornite ulteriori informazioni circa il suo utilizzo.

3) Nell’ambito di una apposita convenzione stipulata da AdEPP, l’ENPACL favorisce i Consulenti del Lavoro con finanziamenti erogati da BNL Gruppo BNP Paribas, da restituire in un periodo di 17 mesi di cui 3 di preammortamento. Inoltre, BNL è attiva anche nella gestione di richieste di liquidità a Medio Termine (ex DL n.23 8 aprile 2020) con durata fino a 72 mesi, di cui 24 di preammortamento. Leggi qui le relative condizioni.

PROVVIDENZE STRAORDINARIE
Nell’ambito dell’emergenza sanitaria in corso in tutto il Paese, ai Consulenti per i quali fosse stato disposto dalle Autorità sanitarie un periodo di quarantena o isolamento, l’Ente riconosce – con procedura d’urgenza - una provvidenza di 3.000 euro. Tale sussidio è di 10.000 euro nel caso di ricovero in strutture ospedaliere.

Scarica qui il modulo editabile da inviare per posta elettronica.