Vecchiaia anticipata

Requisiti

Dal 1° gennaio 2013 sono previsti i seguenti requisiti:

1) 36 anni (incrementabile come da tabella) di effettiva iscrizione e contribuzione; 
2) 60 anni di età; 
3) cancellazione dall'Albo. 
Con 40 anni di anzianità contributiva il requisito 3) non è richiesto.

Il requisito contributivo è aumentato di 1 anno ogni 2 anni fino a raggiungere, a regime, i 40 anni.

Fermo restando il requisito anagrafico dei 60 anni, dal 2021 la pensione di vecchiaia anticipata è riconosciuta con 40 anni di iscrizione e contribuzione, senza obbligo di cancellazione. 
Si riporta tabella esplicativa.

Anno Requisito contributivo Requisito anagrafico Cancellazione
2013 36 60 (nati nel 1953)

Richiesta cancellazione

2014 36 60 (nati nel 1954)
2015 37 60 (nati nel 1955)
2016 37 60 (nati nel 1956)
2017 38 60 (nati nel 1957)
2018 38 60 (nati nel 1958)
2019 39 60 (nati nel 1959)
2020 39 60 (nati nel 1960)
2021 40 60 Non richiesta cancellazione

La pensione può essere erogata solo in presenza di regolarità contributiva, diversamente sarà ricusata.

In caso di rateazione dei debiti contributivi, la regolarità si determina con il versamento dell'ultima rata.

Decorrenza
La pensione decorre dal mese successivo alla domanda, in presenza dei requisiti previsti. Sono abolite le finestre di accesso.

La domanda va presentata, accedendo alla propria area riservata dove è presente l’apposita modulistica editabile on line.

Misura della pensione
Dal 1° gennaio 2013 la pensione è calcolata con il metodo contributivo nel rispetto del pro rata. La parte di pensione relativa ai contributi versati fino al 31 dicembre 2012 è calcolata con il sistema in trentesimi, tipico dell'Enpacl. 
Questa, a sua volta, si compone di ulteriori due quote:

1. la prima è pari a tanti trentesimi quante sono le annualità contributive accreditate dalla data di iscrizione fino al 31 dicembre 2009 (compresa l'anzianità derivante da ricongiunzione e/o riscatto) per l'importo della pensione base in essere alla stessa data; 
2. la seconda è pari a tanti trentesimi quante sono le annualità contributive accreditate dall'anno 2010 a tutto il 2012 (compresa l'anzianità derivante da ricongiunzione e/o riscatto) per l'importo della pensione base in essere al 31 dicembre 2012;

L'importo della pensione base è maggiorato del 7,5% dell'ammontare dei contributi per marche Russo Spena apposte fino al 1991. La pensione è maggiorata altresì di quanto complessivamente dovuto e versato a titolo di contribuzione integrativa fino alla data di decorrenza della pensione, nella misura del 10% (fino al 31 dicembre 2002) e dell'8% (dal 1° gennaio 2003 al 31 dicembre 2012).

 

Rivalutazione delle pensioni 
Gli importi di tutte le pensioni erogate sono rivalutati annualmente in base alla variazione dell'indice nazionale generale annuo dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati calcolato dall'Istituto Nazionale di Statistica.