Invalidità

Requisiti
La pensione di invalidità spetta all'iscritto la cui capacità all'esercizio della professione sia ridotta, in modo permanente, a meno di un terzo, a causa di malattia o infortunio sopravvenuto all'iscrizione all'Ente, sempre che sussista il requisito di dieci anni di effettiva iscrizione e contribuzione, ovvero di cinque anni nel caso in cui l'evento invalidante sia causato da infortunio.

La pensione può essere erogata solo in presenza di regolarità contributiva, diversamente sarà ricusata.

In caso di rateazione dei debiti contributivi, la regolarità si determina con il versamento dell'ultima rata.

Decorrenza
La decorrenza è fissata al mese successivo a quello di presentazione della domanda. La domanda deve essere presentata in costanza di iscrizione all'Ente, accedendo alla propria area riservata dove è presente l’apposita modulistica editabile on line.

Calcolo della pensione
L'entità della pensione di invalidità è determinata con le stesse modalità previste per quella di vecchiaia, con riduzione al 70%.

La misura della pensione di invalidità è pari al 70 % di 5 volte l'importo del contributo soggettivo minimo in vigore nell'anno di presentazione della domanda. Per l'anno 2017 è pari a € 7.232,82.

Trasformazione della pensione
Il pensionato di invalidità che continua ad essere iscritto all'Ente può chiedere la trasformazione della sua pensione in quella di vecchiaia o di vecchiaia anticipata sempre che risultino maturati i rispettivi requisiti.

Nel caso in cui le condizioni di salute risultino peggiorate, il pensionato può chiedere la trasformazione della sua pensione di invalidità in quella di inabilità.

Accertamento sanitario 
L'accertamento delle condizioni di invalidità è effettuato da un'apposita Commissione composta da tre sanitari di fiducia dell'Ente. Le visite mediche si svolgono normalmente a Roma tranne i casi in cui, per comprovati motivi, sono eseguite presso il domicilio del richiedente.

Revisione della pensione
La pensione che all'atto della liquidazione sia stata dichiarata revisionabile è sottoposte, ogni tre anni, alla verifica della persistenza della invalidità. Alla terza conferma, la concessione della pensione è definitiva.

Rivalutazione delle pensioni
Gli importi di tutte le pensioni erogate sono rivalutati annualmente in base alla variazione dell'indice nazionale generale annuo dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati calcolato dall'Istituto Nazionale di Statistica.