Chi siamo

L'Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro è istituito nel 1971 con la legge n. 1100.

Lo scopo è quello di erogare e gestire trattamenti di previdenza e di assistenza a favore degli iscritti e dei loro familiari.

Il 25 agosto 1991 è entrata in vigore la legge n. 249, di riforma dell'Ente.

Dal 1° gennaio 1995 l'Enpacl, ai sensi del decreto legislativo n. 509 del 1994, ha trasformato la propria natura giuridica in Ente privato di tipo associativo. Le modalità di gestione dell'Ente sono ora riconducibili alle norme statutarie.

Lo Statuto dell’Ente è approvato con nota Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0016116/CONS-L-59 del 20 dicembre 2016, di cui all’avviso pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica n.13 del 17 gennaio 2017.

Il Regolamento di previdenza e assistenza, deliberato dall'Assemblea dei Delegati il 27 giugno 2013, è approvato con avviso pubblicato in Gazzetta Ufficiale delle Repubblica - Serie Generale - n. 277 del 26 novembre 2013.  E’ in vigore dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2017.

Dal 1 gennaio 2018 entra in vigore il Regolamento di previdenza e assistenza, approvato dall’Assemblea dei Delegati nella riunione del 29 aprile 2015 e successivamente modificato dall’Assemblea dei Delegati nelle riunioni del 29 aprile 2016 e 24 novembre 2016, a seguito delle osservazioni contenute nelle note direttoriali del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali 10 febbraio 2016 e 27 ottobre 2016. E’ approvato in via definitiva dai Ministeri vigilanti con nota del 24 marzo 2017.

Gli scopi affidati all'Ente dalla normativa vigente sono realizzati mediante scelte strategiche adottate dai suoi Organi istituzionali e attuati dalla struttura interna.

Lo Statuto prevede quali Organi dell'Enpacl:

L'Assemblea dei Delegati è costituita dai rappresentanti degli iscritti all’Ente.

Il Consiglio di Amministrazione è composto da  sette membri eletti a scrutinio segreto dall’Assemblea dei Delegati.

Il Presidente è eletto dal Consiglio di Amministrazione fra i suoi componenti, ha la rappresentanza legale dell’Ente, convoca e presiede il Consiglio di Amministrazione, convoca l’Assemblea dei Delegati.

Il Collegio dei Sindaci è composto da tre membri effettivi, dei quali uno, con funzioni di presidente, designato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, uno nominato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze ed uno eletto dall’Assemblea dei Delegati fra gli iscritti all’Ente.